Staff Coordinamento Mondo Medico

Staff Coordinamento Mondo Medico

Dopo molti mesi di dibattito tra colleghi medici, e dopo due edizioni concorsuali con Graduatoria Nazionale per specialità, è necessario chiedere con forza l’organizzazione di un Concorso per l’accesso alle SSM quanto più possibile meritocratico e scevro da punti di criticità che ne invaliderebbero l’efficacia innovativa a favore di un continuum d’influenza di vecchi poteri e vecchie logiche clientelari.

L’analisi comparativa condotta sulle graduatorie SSM 2014 e 2015 condotta da questo Coordinamento ha rivelato che il curriculum vitae, correlato ad una estrema diversificazione degli ordinamenti didattici non solo da ateneo ad ateneo ma anche tra ordinamenti didattici diversi della stessa facoltà, è uno strumento estremamente flessibile, maneggevole e peraltro non sottoposto ad alcun controllo di veridicità, in grado di influire in modo esageratamente rilevante sulla graduatoria.

Un'elevata percentuale dei candidati che ha preso parte al concorso per l’accesso alle SSM 2014 e 2015 considera i titoli curriculari uno strumento iniquo di valutazione del merito, dall’eccessivo peso in termini di punteggio ed estremamente inadeguato per la valutazione di competenza dei futuri specializzandi.

La maggioranza dei medici coinvolti ha rappresentato la volontà, nonché l’esigenza, di abolire l’assegnazione del punteggio relativo ai titoli curriculari a causa della notevole disomogeneità dei corsi di laurea in Medicina e Chirurgia sul territorio nazionale.

Con questa petizione Medici e Cittadini chiedono al Governo ed al Ministero competente di disporre l’abolizione dei titoli curriculari nel concorso per l’accesso alle SSM e l’adeguamento del bando della prossima edizione concorsuale.

 

Per firmare la Petizione clicca qui

 

 

Il Tar Lazio ammette un ricorrente alla specializzazione in medicina con la borsa

In caso di posto vacante in graduatoria e di assenza di contro interessati, il ricorrente per l'ammissione alle scuole di specializzazione di medicina per l'anno accademico 2014 -2015 può entrare con riserva e con la retribuzione della borsa.
Con l'affermazione di questo principio, dopo le vittorie in sede di merito innanzi al Consiglio di Stato con le sentenze del 22 settembre 2015 con riferimento al concorso dell'anno passato, il TAR del Lazio Sez. lll bis con l'Ordinanza n. 5518/2015 del 10/12/2015 per la prima volta ha accolto un ricorso per l'accesso alle scuole delle specializzazioni mediche.

Gli Avvocati Michel Bonetti e Santi Delia: "nonostante la peculiarità del caso, si tratta di un grande passo in avanti contro tendenza rispetto alle ammissioni sovrannumerarie, senza borsa in attesa delle decisioni sul merito, ottenute fino ad oggi".

Per approfondimenti e dichiarazioni del Segretario Nazionale FpCGIL Medici Dott. Massimo Cozza clicca qui

Per le dichiarazioni dei legali clicca qui

In allegato disponibile il pdf dell'ordinanza pubblicata sul sito di Giustizia Amministrativa

Lunedì, 21 Dicembre 2015 20:56

Sondaggio riservato agli iscritti: avviso

AVVISO PER GLI ISCRITTI

Dopo mesi di iniziative importanti a tutela di un Concorso per quanto possibile serio e corretto abbiamo deciso di iniziare quel percorso condiviso che questo Coordinamento ha inteso raggiungere fin dalla fondazione di questa associazione.

Stiamo portando avanti un esperimento con i nostri iscritti, forse una rivoluzione nel panorama del mondo associativo, che decidono passo dopo passo il futuro di un'intera associazione indicandone azioni imminenti e futuri obiettivi.

Siamo forse arrivati ad uno dei passaggi più delicati e fondamentali per le azioni del Coordinamento: stiamo crescendo e, arrivati a questo punto, è necessario, oltre che doveroso da parte di questo Staff, dare una chiara voce a tutti gli iscritti per definire con precisione cosa vogliamo diventare e che linea si vuol seguire.

L'entrata in vigore del nuovo concorso nazionale ha in qualche modo stravolto la vita di tutti noi senza che potessimo avere una diretta voce in capitolo alle scelte effettuate, alla cui attuazioni abbiamo potuto assistere solo come semplici spettatori.

Il Coordinamento Mondo Medico ha provveduto ad inviare via mail un sondaggio sul Concorso per l'Accesso alle Specializzazioni riservato ai propri iscritti al fine di sostenere quel percorso condiviso che questo Coordinamento ha voluto sostenere fin dalla sua fondazione.
Avvisiamo i colleghi che non hanno ricevuto la mail di verificare tra lo spam e, laddove non ricevuta, di segnalarci il proprio nominativo e la relativa mail cui inviare nuovamente il sondaggio all'indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

Vi informiamo inoltre che il Coordinamento ha provveduto ad avviare una petizione a sostegno dell'abolizione del curriculum vitae nel concorso SSM (per firmare la petizione clicca qui)


Grazie per la collaborazione,
Lo Staff

Resoconto dell’incontro del Coordinamento Mondo Medico con il Sottosegretario al Miur On. Davide Faraone

 

Dopo un breve periodo di silenziosa attività condotta in modo continuo e costante il Coordinamento Mondo Medico ha avuto modo di poter incontrare il Sottosegretario al Miur On. Davide Faraone per poter esporre le problematiche verificatesi, per il secondo anno consecutivo, nello svolgimento del Concorso Nazionale per l’accesso alle SSM ed esporre quelle che sono le richieste avanzate dai nostri associati.

L’incontro, tenutosi presso la sede centrale del Ministero, ha avuto inizio illustrando al Sottosegretario le generalità e gli obiettivi di questo Coordinamento ribadendo che, fin da subito, il nostro obiettivo è stato quello di formulare proposte ed iniziative volte a garantire la concreta possibilità di accedere alla formazione specialistica a tutti i medici abilitati.

Non riteniamo l’incontro un punto di arrivo dell’operato di questo Coordinamento ma un semplice momento di iniziale confronto con l’interlocutore Politico di un Ministero la cui Dirigenza ha affrontato con estrema superficialità l’organizzazione di entrambi i concorsi nazionali.

A riprova di ciò ricordiamo quanto dichiarato dai dirigenti in occasione della nostra manifestazione tenutasi a maggio (leggi qui il resoconto)

La nostra delegazione ha informato l’On. Faraone sulle modalità di svolgimento del Concorso per l’accesso alle SSM evidenziando in modo dettagliato e scrupoloso quelle che furono le dinamiche che, in entrambe le edizioni concorsuali, non hanno garantito un regolare svolgimento delle prove d’esame.

È stata illustrata al Sottosegretario la necessità, espressa dalla gran parte dei medici in attesa di specializzazione, di svolgere il concorso in un’unica sede nazionale adeguatamente organizzata al fine di garantire a tutti i candidati la medesima condizione di svolgimento delle prove: abbiamo richiesto che la sede, oltre ad esser unica, sia organizzata con postazioni distanziate almeno 2 metri le une dalle altre. Abbiamo sottolineato che l’esigenza di tale richiesta è stata confermata da episodi di estrema diversificazione dei punteggi da sede a sede e di sospetta analogia, in alcuni casi di addirittura completa uniformità, dei punteggi conseguiti in sedi più piccole in entrambe le edizioni concorsuali.

Il secondo aspetto esaminato è stato l’abolizione del curriculum vitae, richiesta avanzata come la precedente, in virtù dei sondaggi effettuati tra i nostri associati successivamente alla manifestazione organizzata a maggio scorso. Anche in questo caso abbiamo provveduto a ribadire l’importanza di un simile provvedimento a causa di una diffusa disomogeneità dei percorsi formativi universitari dei vari atenei e di una mancata standardizzazione anche tra diversi ordinamenti di una stessa sede universitaria.
A questo scopo il Coordinamento ha provveduto ad avviare una petizione online per raccogliere un numero significativo di firme, utili a rafforzare la richiesta di abolizione dei titoli curriculari che presenteremo a breve al Ministero ed agli organi competenti (per firmare la petizione clicca qui).

In ultimo abbiamo richiesto espressamente che sia inserita una bibliografia di riferimento nel bando di concorso per l’anno accademico 2015-2016, come avviene per tutti i concorsi pubblici, che consentirebbe una migliore preparazione dei candidati.
Nonostante vi siano stati i presupposti per un positivo riscontro delle richieste presentate la nostra delegazione ha manifestato l’ormai improcrastinabile necessità di avere riscontri concreti alle esigenze di migliaia di medici.

Dopo un anno di silenzio riteniamo sia giunto il momento che la gestione politica del Ministero si assuma la responsabilità di sanare una situazione che, diversamente gestita, non farà altro che portare una situazione di precarietà ed incertezza al limite estremo. La tensione che si svilupperebbe in caso di perpetrata superficialità non sarebbe di giovamento né ai colleghi vincitori di concorso né a coloro che sono ancora in attesa di poter proseguire il proprio percorso formativo specialistico.

L’obiettivo di questo Coordinamento è, e resta, il portare sui tavoli di discussione le proposte, le iniziative e le critiche che migliaia di colleghi ci segnalano quotidianamente senza mai dimenticare che l'obiettivo che ha caratterizzato la nostra nascita non è altro che la tutela della formazione accessibile a tutti e non il raggiungimento di posizioni di favore o di vantaggio, anche economico, a danno dei più.

Ringraziando quanti accoglieranno con favore il lavoro fin qui svolto vi ricordiamo di seguire il nostro sito e la nostra pagina ufficiale per rimanere aggiornati su iniziative e lavori in essere.

 

Staff Coordinamento Mondo Medico

Il Miur ha pubblicato i quesiti utili alla preparazione dell'Esame alla Professione Medica per la II sessione 2015 che avrà luogo il 5 Febbraio 2016.

Per facilitarvi nella preparazione abbiamo reso disponibili i quesiti in formato PDF ed i simulatori con cui esercitarvi:

- Quesiti area Pre-Clinica: 

http://www.coordinamentomondomedico.it/proponi/altri-concorsi/60-esame-di-abilitazione-professione-medica-area-pre-clinica

- Quesiti Area Clinica: 

http://www.coordinamentomondomedico.it/proponi/altri-concorsi/61-quesiti-area-clinica-2015 

Riportiamo di seguito l'informativa a mezzo mail che l'Avvocato Michele Bonetti ha inviato ai propri ricorrenti in relazione all'ultima udienza in Consiglio Di Stato del 24 novembre 2015.

Differentemente dal passato riteniamo utile dare una più ampia diffusione delle ultime evoluzioni dei procedimenti legali in quanto, mai come in questo momento, i giudicati potrebbero avere importanti ripercussioni non solo sulla vita dei medici ricorrenti ma anche, ed ora soprattutto, su quella dei medici specializzandi vincitori di concorso, dei reparti ospedalieri coinvolti e dei cittadini che, loro malgrado, si troverebbero a pagare lo scotto maggiore dell'irresponsabilità dirigenziale di un'Amministrazione Ministeriale che ha adottato un comportamento forse superficiale nella gestione del precedente concorso SSM 2014.

"Come noto oggi si è tenuta un’altra importante udienza al Consiglio di Stato per Voi medici specializzandi. I prossimi risultati Vi saranno comunicati non appena saranno noti al nostro studio; in questo giudizio si valuterà la possibilità di entrare in sovrannumero, anzichè annullare la procedura così come recentemente statuito in alcune sentenze (http://www.avvocatomichelebonetti.it/campagne/medici-e-affini/specializzazioni-mediche/1348-universita-fp-cgil-medici-decisione-consiglio-stato-concorso-specializzandi-medicina-da-annullare).

Vi informo altresì che il T.A.R. del Lazio, a seguito di questi provvedimenti, ha integrato il contraddittorio in diversi procedimenti. Tale incombente viene disposto quando si ritiene il ricorso non infondato; tale circostanza unita ai tre motivi accolti al Consiglio di Stato ci lascia ben sperare.
Sono state depositate altresì istanze di prelievo e tutte le fissazioni utili al fine di ottenere il prima possibile la fissazione dell’udienza. Ad oggi non è prevedibile la data di udienza che dovrebbe intervenire tra il mese di febbraio e luglio.
Solleciteremo costantemente la definizione del giudizio nonostante i noti carichi di ruolo e le problematiche generali e processuali della giustizia.
I miei migliori saluti.
Avv. Michele Bonetti" 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Una nostra delegazione sarà presente a Roma in piazza Ss. Apostoli il 28 novembre alle ore 14.00 insieme agli Ordini professionali ed ai Sindacati di categoria per la campagna #iomimobilitoetu.

Riteniamo sia un atto di responsabilità unire le forze per rivendicare i requisiti minimi che un lavoratore dovrebbe avere garantiti, anche e soprattutto a tutela della salute dei pazienti e dei cittadini: garanzia del rinnovo del contratto, giusti orari di lavoro ed un percorso formativo post lauream adeguato alle necessità della professione, all'assistenza al cittadino e non solo in linea con le necessità del bilancio dello Stato.

L'incontro di sabato 28 novembre è, a nostro avviso, una buona occasione per dimosrare l'attenzione e la presenza delle nuove generazioni su temi importanti in quelle sedi che, troppo spesso e da troppo tempo, si caratterizzano per la nostra assordante assenza, sedi nelle quali si decide del nostro futuro. Sostenere i colleghi del pubblico impiego in questa battaglia significa tutelare anche il nostro futuro ed il nostro presente: la nostra presenza è un passo doveroso per riunire diverse anime di una categoria ancora troppo divisa e distratta, per rivendicare giusti diritti di futuri medici ospedalieri e di specializzandi che da anni svolgono silenziosamente un ruolo fondamentale nei reparti, in prima linea con i pazienti cui è sempre più difficle garantire la migliore assistenza possibile senza che questi possano avere una tutela del lavoro svolto. Non possiamo accettare senza obiezioni una legge di stabilità che non sblocca adeguatamente il turnover, che riduce le risorse destinate alla salute, che non pone rimedio definitivo alla stabilizzazione di personale precario da anni e che fa della stabilità di bilancio l'obiettivo fondamentale di una manovra economica, anche a scapito della salute dei cittadini, una manovra che svilisce e mortifica un duro lavoro quotidiano frutto di anni di impegno e sacrifici.

Occuparci del nostro futuro è divenuto, ormai, un passo improrogabile, rivendicare giusti diritti non solo per i medici del pubblico impiego ma anche per i colleghi specializzandi - troppo spesso soggetti ad assumersi responsabilità, mansioni ed impegni superiori a quelli stabiliti dal percorso formativo - è lo strumento fondamentale per arginare la svalorizzazione della nostra professione e garantire una sanità sana ed in salute ai cittadini.

Dobbiamo tornare ad essere attori delle decisioni che coinvolgono non solo il nostro presente ma anche il nostro futuro, dobbiamo abbandonare e dimenticare questo status di eterni spettatori impotenti: per questi motivi invitiamo tutti i giovani colleghi ad unirsi a noi nel chiedere una maggiore attenzione alla salute lavorativa, fisica e psicologica dei colleghi che diventa, inevitabilmente, maggiore salute anche dell'assistenza al cittadino.

Invitiamo, inoltre, al nostro fianco tutti i cittadini attraverso le associazioni di volontariato e di difesa dei diritti per far sentire chiaro, alto e forte il no deciso ad ogni forma di sottofinanziamento del Ssn che porta inevitabilmente al razionamento delle risorse utili a rispondere ai bisogni di salute delle persone. La sanità non è un costo ma un investimento!

 

 

 

 

 

 

Mercoledì, 18 Novembre 2015 18:55

RESOCONTO INCONTRO CMM con AVV.SANTI DELIA

Il 13 novembre 2015 si è tenuta a Palermo la riunione indetta dal Coordinamento Mondo Medico, con la partecipazione dell’Avv. Santi Delia, per chiarire la situazione relativa al contenzioso delle specializzazioni mediche e di medicina generale 2014, illustrare la possibilità per ulteriori ricorsi 2015 e per dibattere sullo stato di salute della sanità italiana, sulle novità apportate ai nuovi concorsi e sulle azioni compiute in questi 12 mesi di vita dal coordinamento mondo medico (per conoscere le nuove proposte di legge sui fondi destinati alle specializzazioni guarda il video https://youtu.be/j3v0YRaowMY).
Erano altresì presenti i due rappresentanti regionali del Cmm, i dott.ri. Enrico Alagna ed Enrico La Tona.
Dopo una fase introduttiva dei rappresentanti del Coordinamento che hanno palesato le difficoltà di ingresso nel mondo specialistico-lavorativo per i medici neoabilitati, la mancanza di progettazione sul futuro del sistema sanitario, la palese virata da parte del Governo verso una sanità sempre più privatizzata e sulla mancanza di lungimiranza di chi ci governa si è dibattuto sul concorso del 2015, con le sue novità, i suoi vecchi problemi e le attività intraprese dal Coordinamento per avere un test il più omogeneo possibile sul territorio nazionale.
Successivamente ha preso la parola l’Avv. Santi Delia il quale ha illustrato il quadro del contenzioso relativo sia alle Specializzazioni Mediche sia a Medicina Generale.
Le ultime novità riguardano la vittoria del ricorso 2014 di Mg grazie al quale sono stati ammessi tutti i ricorrenti al primo anno di corso (300 circa sul territorio nazionale), giudizio non scevro da appelli e stravolgimenti ma che ha sancito la sostenibilità delle motivazioni censurate dagli avvocati Delia&Bonetti che hanno condotto il Consiglio di Stato a dichiarare l’illegittimità della graduatoria regionale che ha portato all’ammissione in sovrannumero di tutti i ricorrenti (leggi qui il Provvedimento https://www.giustizia-amministrativa.it/cdsintra/cdsintra/AmministrazionePortale/DocumentViewer/index.html?ddocname=VE4FCYJMV5W3MST5E4ILMBLBDE&q=vichi%20or%20chiara).
Inoltre, il Tar, chiamato a pronunciarsi sulla sentenza del CdS ha ritenuto lecito ammettere non solo i medici/ricorrenti che avevano ottenuto un punteggio tale da farli entrare in altre regioni diverse da quella di origine ma anche tutti coloro che avevano un punteggio inferiore all’ultimo ammesso nazionale.
Si è trattata della prima volta che un giudice si è espresso sul concorso in Medicina Generale e il risultato è incoraggiante per chi sogna un sistema di selezione più corretto, meritocratico ed in linea con le necessità del Paese.
Successivamente si è affrontata la situazione dei ricorsi Ssm che dopo vari rigetti in primo grado innanzi al Tar del Lazio, in seguito ad appelli esperiti, il CdS ha deciso di rimettere il giudizio al Tar, ordinando di valutarlo su tre motivi di ricorso tali da potere condurre all’annullamento del concorso: l’approvazione della graduatoria, l’inversione delle domande e la composizione della commissione.
Il Tar dovrà pronunciarsi sui tre motivi anzidetti vincolato a quanto già disposto dal CdS (ascolta qui il provvedimento del CdS illustrato dall'Avvocato Bonetti https://youtu.be/lzse8y-q2-A).
Gli avvocati e noi tutti attendiamo fiduciosi l’esito del giudizio che speriamo segni una svolta positiva per il sistema dei concorsi del Ssn, palesatosi fallace e inadatto a selezionare i medici del futuro, figure fondamentali della società.
Per informazioni sulle modalità e scadenze per presentare ricorso per la Medicina Generale visita il nostro sito al link http://www.coordinamentomondomedico.it/notizie/item/277-ricorso-formazione-specifica-in-medicina-generale-2015-2018.

L'azione che come Coordinamento abbiamo promosso e sostenuto inizia a dare i primi risultati: è in via di definizione alla Camera dei Deputati una proposta di legge che sarà a breve depositata in Commissione.

E' ormai impensabile continuare ad ignorare la necessità di reperire fondi per le Specializzazioni in modo organico e strutturale, soprattutto ora che le strutture ospedaliere avranno necessità di specialisti in vista dell'adeguamento dell'orario di lavoro dei Medici del SSN.

Dal 25 Novembre sarà infatti ncessario garantire ai medici un adeguato orario di prestazione e di riposo in ottemperanza alle Direttive 93/104/CE e 2000/34/CE: a fronte di questa salvaguardia legislativa dei diritti dei lavoratori vi sarà la necessità improrogabile di procedere con lo sblocco del turnover e con l'assunzione di migliaia di medici affinchè non vi sia un collasso del sistema.

Nella trasmissione radiofonica consultabile al link sottostante è possibile ascoltare le ultime news sul Numero Chiuso delle Specializzazioni ed il contenuto della nuova proposta di legge presto al vaglio della Commissione Parlamentare.

Vedi la puntata online https://www.youtube.com/watch?v=SBstonSnS2w

Anche quest'anno il concorso per l'accesso al corso di medicina generale ha presentato numerose criticità sia in merito alle modalità di selezione dei candidati, sia per irregolarità di diversa natura durante lo svolgimento del compito e nei controlli.
Non vi è stata alcuna evidenza di un percorso a cilindro che fin dall'inizio Coordinamento Mondo Medico sostiene.
Il concorso per l'accesso alla formazione specifica in medicina generale continua a presentare difformità regionali nel punteggio d'accesso nonostante i quesiti somministrati siano i medesimi per tutti i candidati a livello nazionale.
Questi i principali punti per i quali Coordinamento Mondo Medico propone e sostiene la campagna dei ricorsi per la formazione specifica in Medicina Generale.

Trattandosi di un concorso su base regionale, i tempi per aderire al ricorso variano da regione a regione.
Per aderire, pertanto, seguite le seguenti scadenze:
REGIONE CAMPANIA graduatoria pubblicata il 18/09/2015 – adesioni chiuse
REGIONE PIEMONTE graduatoria pubblicata il 21/09/2015 – adesioni aperte fino al 15/11/2015
REGIONE UMBRIA graduatoria pubblicata il 22/09/2015 – adesioni aperte fino al 15/11/2015
REGIONE TRENTINO ALTO ADIGE graduatoria pubblicata il 24/09/2015 – adesioni aperte fino al 17/11/2015
REGIONE TOSCANA graduatoria pubblicata il 25/09/2015 – adesioni aperte fino al 18/11/2015
REGIONE MARCHE graduatoria pubblicata il 29/09/2015 – adesioni aperte fino al 22/11/2015
REGIONE ABRUZZO graduatoria pubblicata il 30/09/2015 – adesioni aperte fino al 23/11/2015
REGIONE SARDEGNA graduatoria pubblicata il 01/10/2015 – adesioni aperte fino al 25/11/2015
REGIONE VENETO graduatoria pubblicata il 02/10/2015 – adesioni aperte fino al 25/11/2015
REGIONE VALLE D'AOSTA graduatoria pubblicata il 03/10/2015 – adesioni aperte fino al 25/11/2015
REGIONE PUGLIA graduatoria pubblicata il 05/10/2015 – adesioni aperte fino al 28/11/2015
REGIONE MOLISE graduatoria pubblicata il 06/10/2015 – adesioni aperte fino al 28/11/2015
REGIONE CALABRIA graduatoria pubblicata il 6/10/2015 – adesioni aperte fino al 28/11/2015
REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA graduatoria pubblicata il 8/10/2015 – adesioni aperte fino al 30/11/2015
REGIONE SICILIA graduatoria pubblicata il 8/10/2015 – adesioni aperte fino al 20/11/2015
REGIONE LAZIO graduatoria pubblicata il 14/10/2015 – adesioni aperte fino al 6/12/2015
REGIONE EMILIA ROMAGNA graduatoria pubblicata il 14/10/2015 – adesioni aperte fino al 6/12/2015
REGIONE LOMBARDIA graduatoria pubblicata il 14/10/2015 – adesioni aperte fino al 6/12/2015
REGIONE BASILICATA graduatoria pubblicata il 14/10/2015 – adesioni aperte fino al 6/12/2015
REGIONE LIGURIA graduatoria pubblicata il 14/10/2015 – adesioni aperte fino al 6/12/2015


In allegato è possibile scaricare la documentazione necessaria per aderire al ricorso.

Ulteriori informazioni sul sito dell'Avvocato Michele Bonetti

Pagina 2 di 7