Proposte

Sezione dedicata alle vostre proposte, idee e riflessioni sul concorso, il percorso formativo e tanto altro...

Cari colleghi,

riportiamo di seguito il documento che abbiamo redatto sulla base delle centinaia di proposte che ci sono pervenute da parte vostra in merito ai suggerimenti da presentare al Miur come richiestoci durante l'incontro della nostra delegazione con i Dirigenti del Ministero durante lo svolgimento della partecipatissima manifestazione del 14 maggio scorso.

 

 

Alla cortese attenzione del Ministero dell’Istruzione, Università e della Ricerca

Alla cortese attenzione del Ministro Sen. Prof.ssa Stefania Giannini
Alla cortese attenzione del Prof. Marco Mancini
Alla cortese attenzione della dott.ssa Marcella Gargano

 


Oggetto: Proposte migliorative per il prossimo concorso nazionale di accesso alle scuole di specializzazione in medicina in previsione dell’emanazione del prossimo bando di concorso 2015 e con riferimento al Regolamento pubblicato in Gazzetta Ufficiale con decreto 20 aprile 2015, n. 48.

Coordinamento Mondo Medico, associazione di rappresentanza dei medici abilitati e in formazione, a seguito della richiesta da parte del Ministero dell’Istruzione, Università e della Ricerca di ricevere proposte migliorative per il prossimo concorso nazionale di accesso alle scuole di specializzazione in medicina (in previsione dell’emanazione del bando di concorso per l’anno 2015), raccoglie e sintetizza nel presente documento i suggerimenti giunti alla nostra attenzione da parte di centinaia di giovani professionisti.
Il presente documento ha la finalità di produrre proposte migliorative, d’immediata applicazione e risolutive di talune criticità che hanno caratterizzato il concorso nazionale 2014; pertanto Coordinamento Mondo Medico chiede che:


1. Venga stanziato per il prossimo concorso nazionale 2015 un numero di borse pari ad almeno 10.000 unità.

2. Venga immediatamente emanato il nuovo Bando di concorso 2015 al fine di rispettare le tempistiche indicate dallo stesso MIUR e svolgere il concorso entro il 31 luglio 2015.

3. La traccia bibliografica venga resa nota: solitamente in tutti i concorsi nazionali (es. magistratura e avvocatura) viene fornita una traccia bibliografica.

4. I quesiti siano prevalentemente ed espressamente di natura clinica.

5. Non si pongano vincoli di area nella scelta delle 3 specializzazioni per le quali poter concorrere.

6. Le sedi di svolgimento del concorso siano in numero pari a 1 ovvero un massimo di 3 suddivise per macroaree (Nord, Centro, Sud).

7. Lo svolgimento del concorso avvenga temporalmente in sole due giornate successive e consecutive.

8. Le aule sede di concorso siano provviste di: metal detector al momento dell’ingresso per impedire l’introduzione illecita di dispositivi elettronici; postazioni telematiche distanti tra loro almeno due metri e prive di tastiera o collegamento internet; pannelli separatori in ogni postazione al fine di isolare visivamente il candidato; dispositivo per la soppressione dei segnali elettromagnetici attivo per l’intera durata delle prove (aule schermate); telecamere per verificare la liceità delle attività svolte da ogni singolo candidato.

9. La vigilanza nelle aule sia affidata alle forze dell’ordine o ad agenti interni al Miur (con un rapporto di almeno 1 vigilantes ogni 10 candidati), e non venga affidata alle singole sedi universitarie o ad enti terzi tramite dipendenti interni.

10. Vengano effettuati controlli incrociati dei curricula dei candidati, e in caso di dichiarazione del falso da parte del candidato annullamento della prova concorsuale e applicazione della legge come previsto dal codice penale.

11. Venga registrata la data di ultima modifica del compito-prova concorsuale.

12. Non si affidi più al Cineca - Consorzio Interuniversitario la gestione informatica dei quiz.

13. Si chiarisca la posizione dei medici candidati con laurea antecedente alla riforma (DM 509/99) i quali curricula sono privi della valutazione in crediti e dunque della media ponderata. Come si pensa di ovviare a questa situazione considerando che, se dovesse essere scelta per questi candidati la valutazione della media aritmetica, ciò determinerebbe mancanza di omogeneità nell’attribuzione del punteggio curriculare rispetto ai candidati laureati post-riforma?